ACCORDO PRELIMINARE PER IGD SIIQ PER L’ACQUISIZIONE DI 4 GALLERIE COMMERCIALI E UN RETAIL PARK

  Acquisizione da Eurocommercial Properties Group di un portafoglio di 4 gallerie e un retail park  ubicati nel Nord Italia, inclusi in centri commerciali di riferimento nei rispettivi bacini di utenza, per un valore complessivo pari a Euro 187 milioni e con un gross yield accrescitivo pari al 6,8%[2];

     Operazione supportata da un solido razionale strategico, in quanto permetterà ad IGD sia di ricostituire la proprietà immobiliare unitaria del centro commerciale (galleria + ipermercato) in relazione a due dei quattro immobili oggetto di acquisizione, sia di consolidare la sinergia operativa con il marchio “Coop”, àncora alimentare presente in tutti i centri commerciali del portafoglio in oggetto, assicurando maggiore  flessibilità e rapidità delle iniziative di asset management;

     Aumento di capitale per un controvalore massimo di Euro 150 milioni da offrire in opzione agli azionisti esistenti, che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea Straordinaria, volto al parziale finanziamento dell’acquisizione;

     Coop Alleanza 3.0 si è impegnata a sottoscrivere la quota di propria pertinenza dell’aumento di capitale (pari a circa il 40,9%);

     Banca IMI, BNP PARIBAS e Morgan Stanley agiranno in qualità di Joint Global Coordinators nell’ambito dell’aumento di capitale e hanno già sottoscritto un accordo di pre-garanzia soggetto a condizioni in linea con la prassi di mercato per operazioni similari;

     L’operazione consentirà ad IGD di consolidare la propria leadership nel mercato dei centri commerciali in Italia, con un focus su attivi localmente dominanti, e di continuare a perseguire la propria strategia di crescita e creazione di valore rafforzando allo stesso tempo la propria struttura patrimoniale e finanziaria;

     Proposta di raggruppamento delle azioni ordinarie IGD nel rapporto di 1 nuova azione ordinaria avente godimento regolare ogni 10 azioni ordinarie esistenti.

 

Bologna, 15 dicembre 2017 – In data odierna, a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione, riunitosi sotto la presidenza di Elio Gasperoni, IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A. (“IGD” o la “Società”) ha sottoscritto un accordo preliminare per l’acquisizione di 4 rami d’azienda relativi a 4 gallerie commerciali e un retail park ubicati nel Nord Italia (il “Portafoglio”), di proprietà del gruppo facente capo a Eurocommercial Properties N.V. (“ECP”), per un valore complessivo pari a Euro 187 milioni oltre oneri ed imposte di trasferimento. Si prevede che l’acquisizione del Portafoglio possa generare un gross yield pari al 6,8%[3], inclusi i costi di trasferimento.

Il Consiglio di Amministrazione di IGD ha altresì deliberato di sottoporre all’Assemblea Straordinaria degli Azionisti la proposta di un aumento di capitale a pagamento, in via scindibile, da offrirsi in opzione agli azionisti esistenti per un controvalore massimo di Euro 150 milioni (l’“Aumento di Capitale”), finalizzato al parziale finanziamento dell’acquisizione del Portafoglio e per l’eventuale importo residuo alla riduzione dell’indebitamento del Gruppo, con conseguente rafforzamento della struttura patrimoniale e finanziaria  della Società.

L’Aumento di Capitale, previa approvazione da parte dell’Assemblea Straordinaria, sarà soggetto alle condizioni di mercato e all’ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle Autorità competenti.

Facendo leva sui significativi risultati conseguiti sino ad oggi dalla Società, in linea con il Piano Industriale 2016-2018, l’acquisizione del Portafoglio permetterà ad IGD di consolidare ulteriormente la propria leadership nella gestione di centri commerciali dominanti nei rispettivi bacini di utenza in città italiane di media dimensione e ad elevata capacità di spesa. Inoltre, questa operazione consentirà ad IGD sia di ricostituire la proprietà immobiliare unitaria dell’intero centro commerciale (ipermercato + galleria) in relazione a due dei quattro immobili oggetto di acquisizione, sia di rinforzare la sinergia operativa con il marchio “Coop”, àncora alimentare presente in tutti i centri commerciali del Portafoglio, assicurando così una maggiore flessibilità ed efficacia delle iniziative di asset management.

 

“Fin dal 2014, IGD sta attraversando una significativa fase di creazione del valore, caratterizzata da un incremento prossimo al 20% medio annuo del FFO per azione, grazie a forti capacità  commerciali, di asset management e supportata da un contesto macroeconomico favorevole”, ha dichiarato Claudio Albertini, Amministratore Delegato di IGD “L’acquisizione degli immobili da ECP rappresenta un ulteriore avanzamento nel nostro percorso di creazione di valore: conosciamo bene questi immobili, avendone gestiti 2 negli ultimi anni per conto di ECP, ed essendo gli altri 2 ubicati all’interno o in prossimità delle nostre regioni “core”. Inoltre, tutti gli immobili sono ancorati a Coop, il partner con cui sviluppiamo sinergie operative da lunga data. Siamo fiduciosi di poter creare nuovo valore per i nostri azionisti anche da questo Portafoglio grazie alle nostre comprovate competenze. Relativamente alle modalità di finanziamento dell’acquisizione, l’Aumento di Capitale, che sarà sottoscritto dal nostro principale azionista per la sua quota di pertinenza, ci consentirà di mantenere una struttura finanziaria bilanciata in linea con il profilo investment grade della Società. Crediamo che, in questo momento, i mercati finanziari siano particolarmente favorevoli grazie al significativo afflusso di liquidità, al livello storicamente basso dei tassi di rendimento ed al rinnovato interesse degli investitori internazionali per l’Italia, che deriva anche dal miglioramento degli indicatori macroeconomici del Paese.”

Più in dettaglio, gli immobili del Portafoglio, che presentano una superficie totale locabile aggregata pari a circa 37.500 mq, fanno parte di più ampi centri commerciali dotati di una superficie totale locabile pari a 91.000 mq. Le gallerie commerciali e il retail park parte del Portafoglio registrano complessivamente oltre 14 milioni[4] di visitatori annui, redditi netti operativi annui aggregati per Euro 12,5 milioni[5] e sono parte rispettivamente dei seguenti centri commerciali:

–     Centro Commerciale Leonardo (Imola): alla data del presente comunicato IGD è già proprietaria dell’ipermercato ancorato alla galleria commerciale e gestisce quest’ultima per conto di ECP; pertanto l’acquisizione consentirà di consolidare la proprietà di un centro commerciale dominante che serve circa 240.000 abitanti nel suo bacino di riferimento core[6], caratterizzato da un contesto economico locale solido (reddito disponibile lordo superiore del 10% rispetto alla media italiana[7]);

–     Centro Commerciale Lame (Bologna): una location urbana  a servizio delle necessità quotidiane di spesa di una significativa porzione degli abitanti di Bologna, città che si caratterizza per una capacità di spesa al di sopra della media italiana (reddito disponibile lordo superiore del 28% rispetto alla media italiana[8]), e con oltre 530.000 abitanti nel bacino di riferimento core[9]; alla data del presente comunicato IGD possiede già la proprietà immobiliare dell’ipermercato ancorato alla galleria e gestisce la galleria per conto di ECP;

–     Centro Commerciale e retail park La Favorita (Mantova): centro dominante a Mantova, con un bacino di riferimento core di circa 285.000 abitanti[10]; l’immobile è ancorato ad un ipermercato di Coop Alleanza 3.0, e pertanto il suo acquisto consentirà ad IGD di rafforzare la sinergia operativa di lunga data con il marchio Coop, leader in Italia nel settore della distribuzione alimentare;

–     CentroLuna (Sarzana): il centro commerciale dominante a Sarzana, che offre una destinazione di primaria importanza per l’acquisto di prodotti e servizi alla popolazione locale (circa 260.000 abitanti nel bacino di riferimento core[11]) in ragione della propria ubicazione a ridosso del centro città e dell’assenza di strutture comparabili in prossimità del centro commerciale; l’immobile è ancorato ad un ipermercato di Coop Liguria, un operatore già conosciuto da IGD in quanto presente nel centro commerciale Mondovicino (di proprietà di IGD).

In tutti gli immobili oggetto dell’acquisizione sono presenti ipermercati a marchio “Coop”, con elevati livelli di fatturato (caratterizzati da volumi di vendita medi annui superiori a Euro 8.000/mq sulla superficie netta di vendita) che attraggono una rilevante e stabile base di visitatori e consentono altresì di ottenere significativi risultati in termini di volumi di vendita annui degli operatori delle gallerie (in media superiori a Euro 4.600/mq)[12].

L’acquisizione del Portafoglio è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di IGD con il supporto di perizie immobiliari fornite da CBRE e Cushman & Wakefield e, in base a quanto previsto dal contratto preliminare, dovrà essere completata entro il primo semestre 2018.  Si precisa che alla data di perfezionamento dell’acquisizione, il prezzo di acquisto definitivo del Portafoglio sarà determinato sulla base del valore di Euro 187 milioni, oltre imposte e oneri accessori, incrementato o diminuito delle attività/passività afferenti i rami d’azienda che saranno contestualmente trasferiti alla Società, tra cui finanziamenti ipotecari il cui importo alla data di perfezionamento dell’acquisizione è stimato in circa Euro 88 milioni. Il trasferimento dei predetti finanziamenti è soggetto all’autorizzazione da parte delle banche finanziatrici.

L’Aumento di Capitale consentirà a IGD di migliorare gli indicatori finanziari il cui andamento è attualmente già in linea con gli obiettivi comunicati al mercato e inclusi nel Piano Industriale 2016-2018 (Loan to Value compreso tra 45% e 50% e Interest Cover Ratio superiore a 3x alla fine del 2018). Considerando che l’aumento di capitale rappresenta circa il 75% dell’investimento totale, la Società prevede un miglioramento dei suoi parametri finanziari rispetto agli ultimi dati pubblicati per il terzo trimestre del 2017 (Loan to Value pari a 48% e Interest Cover Ratio pari a 2,89x).

Infine, per effetto dell’Aumento di Capitale, la capitalizzazione di mercato della Società aumenterà, fornendo una maggiore visibilità e liquidità all’azione IGD.

Le cessioni fanno parte del più ampio programma di rotazione delle attività di Eurocommercial e seguono le vendite di rue de Rivoli (Francia), Mellby (Svezia) e 421 (Svezia). Complessivamente, queste vendite hanno generato € 180 milioni da settembre 2017 e, una volta che le vendite italiane sono state completate, questa cifra salirà a € 367 milioni.

Il ricavato delle vendite recenti finanzierà in parte l’acquisizione del Woluwe Shopping Centre, il principale centro commerciale di Bruxelles, per il quale Eurocommercial prevede di firmare un accordo di acquisto all’inizio del 2018. Sono in fase di negoziazione ulteriori vendite di immobili.

L’amministratore delegato di Eurocommercial, Jeremy Lewis, ha dichiarato:

“Il mercato italiano è molto interessante e, con il 40% del nostro patrimonio, rimarrà un importante punto di riferimento per Eurocommercial. L’economia si sta rafforzando mentre la disoccupazione sta diminuendo. I recenti dati di vendita al dettaglio suggeriscono anche che la spesa delle famiglie è in aumento e fino ad oggi il commercio elettronico non ha avuto un impatto significativo in questo mercato. Una delle maggiori attrazioni d’Italia è l’offerta molto bassa di spazi commerciali pro capite. I nostri tre centri più grandi – I Gigli, Carosello e Fiordaliso – hanno attratto oltre 36 milioni di visitatori nel 2016/17. In tutto il nostro portafoglio italiano abbiamo una pipeline di importanti progetti di ristrutturazione e sviluppo e abbiamo preso la decisione di effettuare vendite selettive dei centri minori “.

Precedente Apre CityLife Shopping District, un nuovo mondo per lo shopping e l’intrattenimento nel cuore di Milano Successivo RICS, A MILANO SI RIUNISCE IL SETTORE RETAIL EUROPEO